Cervice e Coppetta Mestruale: cosa c'è da sapere

Come misurare la cervice per scegliere la coppetta mestruale più adatta a te

Ho spesso ribadito che la scelta della coppetta mestruale dipende, tra le altre cose, dalla posizione che la cervice assume durante le mestruazioni.

Oggi approfondirò meglio questo punto.


COS'È LA CERVICE?

La cervice chiude superiormente il canale vaginale ed inferiormente l'utero.
Essa funziona come una sorta di "rubinetto" dal quale fuoriescono le secrezioni vaginali (muco cervicale) ed il flusso mestruale.


COME E PERCHÉ SI MUOVE

La cervice subisce una sorta di trasformazione nel corso dell'intero ciclo mestruale:
Durante l'ovulazione è posizionata in alto tanto da risultare difficilmente localizzabile. In questa fase ha una consistenza soffice (somigliante a quella della nostra bocca) ed è aperta per agevolare l'eventuale passaggio di spermatozoi.
Durante le mestruazioni è posizionata in basso tanto da risultare facilmente percepibile. In questa fase risulta chiusa e compatta (la sua consistenza è somigliante a quella del nostro naso).

QUANDO SI MISURA

Per poter scegliere in maniera oculata la coppetta mestruale più adatta alla propria anatomia è necessario monitorare l'altezza della cervice durante i primi due giorni di flusso mestruale, cercando di rispettare sempre lo stesso orario; va infatti precisato che la posizione cambia non solo da una fase all'altra del ciclo ma anche da un'ora del giorno all'altra.

Tipicamente, durante i giorni di flusso, la cervice si solleva di notte e si abbassa di giorno, è più bassa i primi giorni e, man mano che le mestruazioni vanno esaurendosi, tende a salire nuovamente.

*Queste ultime considerazioni possono non essere valide per tutte le donne (ad esempio, ad alcune la cervice resta in basso anche durante le ore di riposo notturno ad altre, piuttosto che abbassarsi durante i primi giorni di flusso, si sposta più verso un lato... insomma, siamo tutte diverse).


COME SI MISURA

Per misurarne l'altezza è sufficiente introdurre delicatamente un indice in vagina ed, in base alla precedente descrizione, cercare quella parte che, rispetto alla morbidezza delle pareti vaginali, presenta una consistenza diversa, simile alla punta del naso.


N.B. spesso la cervice viene confusa con la spugna uretrale, un piccolo accumulo di tessuto grasso che può avere un volume più o meno consistente.

Per evitare di scambiarla per la cervice è sufficiente far scorrere il dito in direzione della parte posteriore del canale, ovvero sul lato opposto rispetto alla vescica. *
Se avvertirete una consistenza completamente diversa rispetto a tutto ciò che circonda il dito... avete terminato la vostra ricerca!

* quest'operazione va effettuata con mani pulite ed unghie possibilmente corte; se portate le unghie lunghe utilizzate dei guanti sterili monouso senza polvere.

Veniamo ora alla classificazione:

Misura dell'altezza della cervice in falangi

1) CERVICE BASSA: sta all'altezza della prima falange.
Questo tipo di cervice, in condizioni di buona salute del perineo, non è molto diffusa.
È piuttosto probabile che sia stata confusa con la spugna uretrale.
Se invece la sua altezza è effettivamente una falange, è altamente probabile che essa abbia subito un prolasso.

2) CERVICE MEDIA: sta all'altezza della seconda falange.
E' il tipo di cervice più diffuso e, per questa ragione, compatibile con la maggior parte delle coppette presenti in commercio.

3) CERVICE ALTA: sta all'altezza della terza falange (o più su).
Sebbene la cervice tenda ad abbassarsi durante il mestruo, è comune a molte donne che questa rimanga invece posizionata in alto; è anche questo un caso che rientra nella normalità.


QUALE COPPETTA?
Chi ha una cervice bassa (1 falange) dovrà consultare un esperto in riabilitazione del pavimento pelvico (ostetrica o fisioterapista con tale specializzazione) poiché, se è in atto un prolasso, sarà difficile che la coppetta aderisca alle pareti del canale vaginale. Fino a che la situazione non migliorerà, potrà provare una coppetta molto morbida e corta, ma non è detto che funzionerà a dovere.

Chi ha una cervice media (2 falangi) dovrà orientarsi verso coppette dalla lunghezza ridotta e che siano provviste di un gambo facilmente accorciabile. Spesso in questi casi la cervice tende a "tuffarsi" all'interno della coppetta, occupandone una parte più o meno cospicua. Per questo motivo sono maggiormente indicate coppette dalla forma panciuta ed arrotondata che possano accoglierla al loro interno.
Chi ha la cervice alta (3 falangi o più) dovrà orientarsi verso coppette lunghe e dalla forma appuntita/affusolata per favorirne la praticità nel momento dell'estrazione.

La scelta della coppetta dipende da altri due parametri:

Esprimi la tua opinione